domenica 19 febbraio 2017

liquefare l.immobile

                                   

                               


" in tale relazione compenetrativa ogni irrepetibile singolarità è salvaguardata, e nello stesso tempo i suoi confini sono come aperti e fluidi, non si rinserrano in fissa identità. il volto di ciascuna cosa è quello e non altro, ma gli occhi della mente vi vedono in trasparenza tutto ciò che esso, così esponendosi, in sé nasconde come sua propria fibra segreta".
(vittorio tamaro)

martedì 7 febbraio 2017

il mio progetto di tripeditrip, liquefare l.immobile, a "ritratti di poesia"


dal blog www.vincenzomaddaloni.it prendo l.articolo di filippo d.aragona sulla mia partecipazione alla manifestazione "ritratti di poesia", che per l.undicesimo anno ha avuto luogo a roma in piazza di pietra il 3 febbraio 2017

In viaggio con Tripeditrip al Tempio di Adriano


  A “Ritratti di Poesia” il grande appuntamento romano ideato e realizzato da Vincenzo Mascolo  una giornata dedicata all’incontro tra le arti con  Fernanda Mancini che espone il suo “Liquefare l’Immobile” a conferma che  l’incontro tra Oriente e Occidente è possibile 

Una delle opere di Fernanda Mancini esposta al Tempio di Adriano. La manifestazione “Ritratti di Poesia” è organizzata da Vincenzo Mascolo, Carla Caiafa, Inventaeventi e dalla Fondazione Terzo Pilastro – Italia e Mediterraneo presieduta dal professore Emmanuele Francesco Maria Emanuele
di Filippo D’Aragona
Quest’anno una novità a “Ritratti di Poesia”, il grande appuntamento romano che il 3 febbraio ha avuto luogo per l’undicesimo anno consecutivo nella prestigiosa sede del tempio di Adriano. Una giornata interamente dedicata alla poesia nazionale e internazionale. Ma non solo, quest’anno infatti Vincenzo Mascolo, ideatore e conduttore della manifestazione, ha voluto dare un segno diverso, un’indicazione di apertura all’incontro tra le arti, un invito garbato a saltare gli steccati, e lo ha fatto invitando l’artista visiva Fernanda Mancini, che già nel 2015 aveva ricevuto qui il primo premio per la poesia “Come la Rosa”.
Che l’arte, come dice il filosofo Massimo Cacciari, non abbia più nulla di nuovo da dire, può forse dipendere dalle settorialità in cui le diverse arti sono state confinate? Forse nasce di qui l’invito di Mascolo a Fernanda Mancini ad esporre il suo “Liquefare l’Immobile”, quattro lavori scelti tra quelli esposti alla Fondazione Ebert di Berlino nello scorso dicembre, e che l’artista definisce “un tentativo di riallacciarsi alla tradizione del Gesamtkunstwerk, realizzando un progetto di opera unica, e non di mera giustapposizione, tra poesia, musica e pittura”.
In liquefare l’Immobile Fernanda Mancini ha lavorato, e “continuo a lavorare visivamente, ci dice, sulla poesia Tripeditrip del cinese Gu Cheng e la musica che il suo connazionale Peng Yin ha composto su di essa, un lavoro puntuale e anche libero in cui musica pittura e poesia, ma anche l’Oriente e l’Occidente si avvicinano, riscoprono le comuni radici, in un confronto che proprio salvando e attraversando le diversità, ritrova soprattutto nei simboli e nella facoltà immaginativa la sorgente del comune abitare il mondo”.
In questo modo liquefare, come scrive Mascolo, “perde la connotazione negativa propria delle teorie di Zygmunt Bauman e assume un significato positivo, la speranza dell’abbattimento di tutte le frontiere, fisiche e interiori”. Gesamtkunstwerk dunque come pratica di un interrogarsi comune sul mondo e noi stessi, tornando spietatamente senza compromessi alle scomode radici del silenzio.


mercoledì 1 febbraio 2017

documentazione - ultime fasi della preparazione a "ritratti di poesia" 2017

dopo il premio di "poesia 140", che ho vinto nel 2015, anche quest.anno parteciperò a "ritratti di poesia" (v.www.inventaeventi.com). presenterò con un taglio speciale pensato per l.occasione, il lavoro fatto a coniugare musica poesia e immagine, in un colloquio nel primo pomeriggio con vincenzo mascolo, accompagnata dalla musica "tripeditrip" di peng yin. inoltre esporrò alcuni lavori. 
"ritratti di poesia" è dedicata quest.anno agli alberi, alla natura, il mio intervento specifico è nel segno dello scioglimento delle barriere preconcette, e nel segno della affermazione delle identità, nel contesto in cui natura è pienamente materia e spirito, apparenza e fondo, coscienza e inconscio.